Con un'ordinanza emessa qualche giorno fa, il Tribunale ha rigettato l'istanza con cui il Comune di Latina tentava di opporsi all'esecuzione di un decreto ingiuntivo in favore di Atral, risalente al 30 settembre 2016 e reso esecutivo un anno fa, il 22 febbraio 2018.
All'origine della controversia ci sono i mancati pagamenti di una serie di fatture emesse da Atral nel corso della gestione del servizio di trasporto pubblico, per un importo complessivo di 1.431.454,45 euro (un milione quattrocentotrentunomila quattrocentocinquantaquattro). Per cercare di resistere all'ingiunzione, il Comune aveva chiesto che venisse ammessa una consulenza tecnica contabile relativa ad asseriti controcrediti vantati dall'ente di piazza del Popolo nei confronti della stessa Atral. Trattandosi in ogni caso di presunti crediti di natura assolutamente diversa rispetto all'oggetto del giudizio in corso, il giudice ha ritenuto di non dover prendere in considerazione la richiesta.