Tenere alta l'attenzione sul futuro della Vignarola e sulla spiaggia di Lido dei Pini in vista dell'affidamento in convenzione della spiaggia libera deciso dal Comune.

Sono questi i due messaggi che l'equipaggio di Legambiente a bordo di "Goletta Verde" ha voluto lasciare sul territorio nel salpare dal porto dove l'imbarcazione ha stazionato per una giornata intera.

«Sono tante le criticità ambientali che purtroppo attanagliano questa città - commentano Anna Tomassetti, presidente del circolo "Le Rondini" di Anzio, e Roberto Scacchi, presidente di Legambiente Lazio -, a partire dalla sua eccessiva cementificazione e il rischio di ulteriore edificazione nelle ultime poche aree verdi rimaste. Terremo alta l'attenzione sulla zona della Vignarola, così come vogliamo veder chiuso ogni discorso di nuovi porti ad Anzio, progetti che non servono a nessuno e che avverseremo sempre, visto l'impatto erosivo che avrebbero nuove colate di cemento in mare. Il porto di Anzio va migliorato, ammodernato e messo in sicurezza, non serve nessun nuovo porto».

La riflessione, poi, si sposta su Lido dei Pini e sul chilometro e mezzo di spiaggia libera che sarà presto dato in gestione a un privato per offrire servizi ai bagnanti.

«Qualsiasi progetto di gestione della spiaggia di Lido dei Pini, se fatto male o realizzato per soddisfare le esigenze di qualche privato, può essere devastante - commentano ancora Tomassetti e Scacchi -. Va, prima di tutto, rispettato l'ambiente e i vincoli Natura 2000 che insistono sull'area».

Va comunque sottolineato che Anzio ha decisamente superato a pieni voti l'esame di Legambiente sulla qualità delle acque. E ciò ha trovato la soddisfazione del sindaco di Anzio, Candido De Angelis: «Dopo la Bandiera Blu e la Bandiera Verde arrivano gli ottimi dati di Legambiente che, ancora una volta, confermano Anzio città regina della nostra regione, per il mare pulito e per l'indotto turistico. A tutto questo si aggiungono le ordinanze plastic-free e no-smoke, le spiagge accessibili per i diversamente abili e importanti servizi».