Sul bando di gara indetto dal Comune di Itri per l'affidamento della gestione dei servizi di ricovero e mantenimento dei cani vaganti e randagi intervengono ora il sindaco Antonio Fargiorgio e il comandante della polizia locale Pasquale Pugliese. Una gara aperta di soglia comunitaria per la cifra di 435.223 euro (oltre Iva) per 36 mesi che si svolgerà su una piattaforma telematica e il termine ultimo per le offerte scadrà il 27 febbraio alle 12.

«Siamo i primi - commenta il Comandante della Polizia Locale Pasquale Pugliese - a porre in essere una gara europea che ci consente da un parte di contenere e prevedere i costi negli schemi di bilancio, dall'altra di assicurare il benessere animale e tutti i servizi di ricovero e mantenimento dei cani randagi e di pronto soccorso animale per cani e gatti, avendo un unico interlocutore. Il mandato conferitomi dalla Giunta Comunale, secondo il concetto del new public management era teso all'efficacia ed all'efficienza dei servizio. Abbiamo trovato la migliore formula per garantire nel miglior modo possibile la gestione di tutti i servizi anteponendo l'esclusivo interesse pubblico».

Il sindaco Antonio Fargiorgio spiega che la normativa attribuisce ai Comuni «l'obbligo di farsi carico di tutti i costi inerenti non solo il mantenimento e la cura dei cani randagi, ma anche i costi relativi al pronto soccorso animale per cani e gatti, e quelli del trasporto. Questi costi - continua il primo cittadino - incidono direttamente sulle tasche dei cittadini. Con questa gara sarà il soggetto aggiudicatario del servizio a impegnarsi affinché si contengano i costi, assicurando per legge il benessere animale».