Le manifestazioni e gli eventi organizzati a Sabaudia non sarebbero degni della storia della città e degli intrattenimenti proposti fino ad oggi. È questa l'accusa lanciata dal consigliere di Forza Italia, Giovanni Secci, alla maggioranza di Giada Gervasi, alla quale attribusice la colpa di aver trasformato la "Città delle Dune" nella "Città della Porchetta".
Un titolo provocatorio quello ideato da Secci, che fa riferimento al crescente numero di eventi legati allo street food con commercianti non locali, ai danni delle attività del territorio.
«Street food e bancarelle quasi ogni fine settimana che hanno tolto lavoro ai nostri commercianti - spiega Secci - Gli stessi che si sacrificano tutto l'anno in attesa di fare cassa, per far sopravvivere le loro attività, attendendo l'arrivo dei turisti e della bella stagione. Una scelta quella dell'amministrazione Gervasi che sta togliendo anche l'eleganza e lo stile che da sempre hanno contraddistinto Sabaudia, rinomata meta turistica anche dei vip».
L'accusa di Secci, dunque, riguarda sia la diminuzione di appeal nei confronti dei turisti e, al contempo, del danno che ciò crea all'economia locale, che sarebbe lasciata in disparte, diminuendo gli introiti per le attività del posto.
«Ma del resto stile e buon gusto sembra proprio che non appartengano alla squadra della Gervasi - conclude Secci - Una squadra che fino ad oggi è stata in grado, tra l'altro, di organizzare chiassosi "concerti" (poco seguiti) da tipica festa paesana, anche nella piazza del comune, facendo addirittura fuggire gli avventori dei locali adiacenti che avrebbero voluto sorseggiare drink, magari con buona musica in sottofondo, scambiando due chiacchiere tra amici».