È stato ufficialmente bocciato il ricorso dei precari, così come previsto dal quadro normativo definito a livello nazionale e regionale. A darne notizia è la Asl di Latina che insieme alla Regione, a seguito dell'emanazione del Decreto del Commissario ad Acta (DCA 403/16). ha dato il via alle procedure in oggetto. "Su tale percorso - si legge nella nota diramata dalla Asl - si è inserito, successivamente, un ricorso riguardante la richiesta di annullamento della richiamata DCA che, con sentenza pubblicata il 29 marzo, è stata rigettata dal TAR del Lazio. La sentenza, pertanto, ha confermato la correttezza delle procedure avviate e, in alcun modo, pone freno al progressivo processo di stabilizzazione. Molto diversa, infatti, sarebbe stata la situazione nell'ipotesi in cui tale ricorso fosse stato accolto con conseguente blocco di tutte le procedure in essere. Regione ed Azienda sono in ogni caso impegnate per approfondire le tematiche riguardanti gli effetti della recente sentenza del TAR e per valutare quali ulteriori azioni e/o provvedimenti risulterà opportuno adottare allo scopo di favorire la positiva prosecuzione delle stabilizzazioni. L'attenzione della Direzione Aziendale sull'argomento resta elevata e, pertanto, si auspica che sul tema non si creino forme di allarmismo o strumentalizzazione che, di certo non favorirebbero il percorso avviato e risultati attesi".