Il futuro del remo azzurro è solido come il presente. Lo è, anche e soprattutto, grazie agli atleti dei Gruppi sporti militari di stanza a Sabaudia.
Parliamo dei Mondiali Under 23 in corso di svolgimento a Sarasota in Florida e di un Quattro con femminile che non solo è salito sul gradino più alto del podio, ma ha anche ottenuto il record mondiale.
In questa barca stratosferica hanno dato il loro apporto, Benedetta Faravelli e Laura Meriano, entrambe del Gruppo sportivo Carabineri.
La gara - Erano Francia, Italia e Australia le barche più veloci nella prima parte con una formazione azzurra pimpante e battagliera, pronta a togliere il comando alle cugine d'oltralpe. Una conduzione di gara che portava la barca azzurra, al passaggio della prima frazione, a soli 1"17 di distacco dalla Francia che tentava di scrollarsi di dosso l'ingombrante, per lei, fardello azzurro. Ma a nulla servivano gli aumenti poiché era la barca azzurra che continuava ad attaccare la Francia e al passaggio dei 1000 metri in un punta a punta forsennato. Le azzurre iniziavano ad aumentare ancor più il martellante ritmo e, con un colpo in più delle francesi (35), staccavano la Francia e allungando palata su palata si presentavano ai 1500 metri prime con una barca di vantaggio sulla formazione francese che iniziava ad avere problemi anche con l'Australia, terza. Stupende le azzurre che, nella loro fiammante barca brandizzata COOP, volavano sul traguardo vincendo il Mondiale Under 23 e portando all'Italia la prima medaglia, d'oro di giornata. Un quattro con azzurro lanciato sul traguardo, pronto a mettere in riga Francia e Australia. Per le azzurre anche la soddisfazione del nuovo record dei campionati (7'02"22) che era detenuto dagli USA con il tempo di 7'02"60 fatto registrare ai Mondiali U23 di Poznan 2018.
Oggi, invece, la Sabaudia remiera farà il tifo per Clara Guerra del Terzo Nucleo Atleti Fiamme Gialle, impegnata nel Singolo e per Andrea Cattaneo dei Carabinieri, che proverà a salire sul podio con il Doppio.
La semifinale del Doppio - Russia in grande spolvero per la prima delle semifinali odierne dove l'Italia nella prima fase si lasciava sorprendere ma ai 200 metri passava al comando con quaranta colpi di passo per scendere a trentotto a ridosso del passaggio dei primi 500 metri con la barca russa alle spalle. Una gara durante la quale Italia, Russia e Olanda, nell'ordine, si dividevano le posizioni di passaggio fino ad arrivare al passaggio di metà gara con l'Italia che metteva luce tra Olanda e Russia con quest'ultima che cedeva il passo alla barca dei tulipani. Italia prima anche al rilevamento dell'ultimo intertempo con la Russia che tentava di forzare per staccare nuovamente l'Olanda, ma era solo esercizio poiché la Svizzera, quarta, era molto distante. Il finale era tutto azzurro con la barca italiana che sfila davanti alle tribune e volava in finale.